- lega delle cooperative del circondario imolese -
Home arrow Presentazione
venerd́ 22 febbraio 2019
 
 
Presentazione

La Federazione Circondariale Imolese delle Cooperative di Produzione e Lavoro fu costituita il 21 maggio del 1911. Nacque per scelta di 15 Cooperative, delle 20 attive a livello circondariale, per “diffondere i principi della cooperazione, aiutando la costituzione di muove cooperative; mantenere vivi i rapporti fra le società federate (...); sollecitare i lavori dalle pubbliche amministrazioni e dai privati e regolare i lavori fra le società aderenti (...); ispezionare la contabilità e l’amministrazione delle cooperative federate e agevolarne il credito; istituire un ufficio contabile per le piccole cooperative (...); assistere le cooperative federate con tutti quei consigli (...), che consentono il rispetto delle leggi e della buona amministrazione”.


In definitiva la costituenda Federazione doveva occuparsi, in piena autonomia, dei problemi sociali, economici, finanziari, amministrativi e giuridici delle cooperative, in un rapporto non conflittuale, ma collaborativo col sindacato e con le altre organizzazioni del movimento operaio.


Con la costituzione della Federazione Circondariale Imolese si puntava, pertanto, a dare una voce politica unitaria a tutte le cooperative, a partire da quelle nate alla fine dell’800 e inizio ‘900, come il Magazzino di Consumo, le cooperative di muratori, di birocciai, di braccianti, di operai metallurgici, di lavorazione del legno, tipografiche, di macchine agrarie, ecc. e quelle costituite nella fase successiva alla prima  guerra mondiale.


A livello Imolese abbiamo una ricca produzione letteraria per quanto riguarda la storia di cooperative, la storia di uomini e donne della cooperazione ma, per quanto riguarda la struttura associativa in quanto tale, a parte il libro di Quinto Casadio che come Legacoop gli abbiamo commissionato “Vent’anni di vita che hanno radici lontane” e che prende in esame l’attività della associazione dal congresso costitutivo del 1982 (volume presentato in occasione della nostra sesta assemblea congressuale del 2002), abbiamo molto poco, nulla presso la nostra sede ed i ns. archivi (dove invece conserviamo ampia traccia, documenti e foto degli ultimi 15/20 anni).


Al fine di celebrare adeguatamente questa significativa ricorrenza per Legacoop Imola, per la cooperazione Imolese e per la Comunità locale, abbiamo deciso di promuovere alcune occasioni e momenti di riflessione sulle origini dell’associazione e della realtà cooperativa, attraverso il coinvolgimento delle istituzioni locali, delle scuole e conseguentemente di ragazze e ragazzi, delle nostre aderenti e delle altre rappresentanze economiche e sociali Imolesi.


In stretta collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Imola, la BIM - Biblioteca del Comune di Imola, il C.I.D.R.A. – Centro Imolese Documentazione Resistenza Antifascista, il Centro Italiano di Documentazione sulla Cooperazione e l’Economia Sociale di Bologna, l’archivio storico della Camera del Lavoro di Imola ed alcuni archivi privati di cittadini e di Cooperative Imolesi, abbiamo avviato da alcuni mesi una ricerca relativa alla documentazione (cartacea e fotografica) da predisporsi ed utilizzarsi in occasione delle iniziative che  abbiamo intenzione di promuovere.


Dedicheremo al tema del 100° anniversario della Federazione Circondariale Imolese una serie di eventi che si terranno a partire dalla prima parte del 2010 avendo come momento saliente il periodo aprile-giugno, per poi proseguire per tutto l’anno. Quello a cui puntiamo con questi appuntamenti, è tentare di analizzare il ruolo di Legacoop e delle singole cooperative quale soggetto promotore nei decenni e nelle varie fasi storiche e politiche che si sono succedute, dello sviluppo economico e sociale della nostra comunità.
Pensiamo inoltre di utilizzare queste occasioni per costruire e condividere una riflessione sul futuro, a partire dal ruolo della Rappresentanza associativa ed istituzionale: un tema, questo, di grande attualità.


Cercheremo di unire così il passato col presente, anzi con il futuro. In un’espressione, cercheremo, troveremo e evidenzieremo le ‘Radici del Futuro’.

 
 
Top! Top!