- lega delle cooperative del circondario imolese -
home
mercoledì 16 ottobre 2019
 
 
BUDAPEST - DIARIO DI BORDO 25 SETTEMBRE 2007
Oggi è stata una giornata molto impegnativa. In programma c’erano le visite all’ufficio municipale delle pari opportunità e a una associazione che si occupa del reinserimento lavorativo dei ragazzi disagiati.

Nel primo appuntamento è emerso il fatto che i problemi dell’occupazione in Ungheria sono molto simili a quelli dell’Italia (per esempio la difficoltà di trovare lavoro per i neolaureati, la carenza di operai con una qualifica tecnica e la difficoltà dei giovani di sapere con chiarezza cosa fare da grandi).
Sempre nel primo incontro abbiamo anche conosciuto il dirigente di una società di intermediazione che ogni anno pubblica un volume in cui aziende multinazionali si fanno pubblicità a pagamento e in cui vengono date informazioni utili a chi cerca un lavoro.
Oltre all’annuario, questa società fornisce altri servizi come un database gratuito per i ragazzi.

Nel pomeriggio invece abbiamo incontrato il direttore dell’associazione no profit Vargabetü, che segue ragazzi con problemi di inserimento sociale, insegnando loro a diventare sarti, camerieri, commesse, muratori, ma anche imprenditori. Nel tardo pomeriggio abbiamo fatto in tempo a fare un giro alla Cittadella, uno dei punti più alti della città, da cui abbiamo fatto un sacco di foto al panorama di Budapest, spaccata in due dal Danubio.
 
Budapest - Diario di bordo del 24 settembre 2007
diario1.jpg

L’arrivo a Budapest è stato un percorso a ostacoli. Due ore e mezza fermi alla dogana, autostrade con toilettes chiuse, ossa rotte dal viaggio. Meno male che a ravvivare la mattinata ci hanno pensato i pasticcini portati da Imola. In tutto abbiamo fatto 13 ore e mezza di viaggio, contando gli imprevisti.

Poi finalmente, Budapest. Attraversando il ponte Ersébet, c’è chi ha pensato alla sinfonia Il Danubio blu, altri invece l’hanno paragonato al Santerno “quando è in piena”. Scherzi a parte, una delle prime cose che abbiamo notato è il traffico assurdo e lo smog. Cosa positiva, invece, il bel tempo (oltre alla birra, meno cara). Per il pranzo, parte del gruppo ha esplorato uno dei più famosi ristoranti tipici della città, di cui si riusciva anche a capire il nome (la lingua ungherese è incomprensibile). I più affamati, invece, hanno optato per hamburger di note catene…

Domani ci aspettano gli incontri ufficiali, ma anche una visita in compagnia di una guida ungherese che parla italiano.

 
I ragazzi di experiment vanno a Budapest

prima.jpgE’ partita nella tarda serata di ieri la delegazione di Legacoop Imola con i vincitori di Experiment, il percorso formativo sull'imprenditorialità cooperativa che da sei anni Legacoop Imola propone ai ragazzi che frequentano le classi quarte degli istituti superiori del circondario imolese. Sul pullman diretto a Budapest sono saliti 19 studenti delle scuole del circondario imolese accompagnati da due Dirigenti scolastici, Mario Faggella e Carmen Falconi, 3 docenti, Giulia Balducci, Patrizia Baroncini e Daniela Bressan, il presidente di Legacoop Imola Sergio Prati, la coordinatrice del progetto Experiment per Legacoop Rita Linzarini e l'inviata del settimanale sabato sera Lorena Mirandola.
Leggi tutto...
 
Cooperatori canadesi ad Imola

Delegazione di Cooperatori Canadesi visita Legacoop  Imola


canadesi.jpgUna delegazione di cooperatori canadesi, composta da 19 persone, si è incontrata nella giornata odierna ad Imola con Sergio Prati e Savio Sangiorgi, rispettivamente Presidente e Vice Presidente Legacoop Imola.

La delegazione composta da cooperatori (appartenenti ad imprese operanti nei settori  credito, agroalimentare e servizi) ed operatori del III° settore, proveniente da Vancouver (la maggiore città della provincia canadese della Columbia Britannica), era accompagnata dal Direttore della British Columbia Co-operative Association (Associazione di rappresentanza delle Cooperative Canadesi) e dal Prof. Giovanni D’Adda – Tutor e Coordinatore del Master Universitario in Economia della Cooperazione – Facoltà di Economia della Università di Bologna.

Il viaggio di studio ed istruzione, realizzato in collaborazione con la Facoltà di Economia della Università di Bologna, è stato finalizzato ad approfondire la conoscenza del modello di sviluppo della Regione Emilia-Romagna e, nello specifico, ad analizzare il ruolo economico e sociale delle imprese Cooperative.

Nel corso di questa settimana i cooperatori canadesi si sono incontrati con docenti della Facoltà di Economia della Università di Bologna, rappresentanti di Legacoop Emilia Romagna ed hanno visitato alcune imprese Cooperative della Regione.

Scopo della visita ad Imola è stato quello di approfondire la conoscenza di Legacoop, del suo ruolo e rapporto con le aderenti, analizzare l’esperienza Cooperativa Imolese per studiare gli aspetti salienti e specifici di questo modello, riconosciuto a livello internazionale come modello di eccellenza e di successo, con specifico riferimento ai settori manifatturiero, della cooperazione sociale e turistico-ambientale.
 
Imola, 12 luglio 2007


Legacoop Imola
Il Presidente
Sergio Prati
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Pross. 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 Prec. > Fine >>

Risultati 253 - 261 di 262
Alleanza Cooperative
logo-alleanza.png
centenario
centenario legacoop imola
Cooperare per cambiare
banner_cooperare_per_cambiare.png
Wikicoop
banner-wikicoop.png
bilancio di sostenibilità
cooperativa-economia-giusta.png
leganet
leganet.jpg
Vitamina C
exp-11.png
generazioni
banner_generazioni.gif
diventare grandi
diventare grandi 2013
bilancio sociale
Bilancio Sociale 2009
imola insieme
imola-insieme-2012.jpg
tavolo 81 Imola
tavolo494
servizio civile
servizio civile
Fon.Coop
banner_foncoop.png
obiettivo lavoro
obiettivolavoro.gif
Statistiche
Utenti: 4
Notizie: 690
Collegamenti web: 10
Visitatori: 3486821
 
Top! Top!